PUMA a Parigi per i cosmetici e la cura del corpo

Il progetto PUMA è lo sforzo collettivo della comunità del packaging aziendale per eliminare il packaging come problema ambientale globale. Sulla base del IL MANIFESTO PUMA, vengono analizzati gli sviluppi globali nel campo del packaging e dell’ambiente.

Con l’edizione francese del Manifesto in mano, un team PUMA è andato a Parigi all’inizio del 2022 e ha studiato il packaging dei prodotti cosmetici e di cura del corpo.

Tutto questo in vista del PUMA World Congress, il 3 maggio 2023 a Düsseldorf, in Germania.

  La spirale Pack-Use-Empy (P-U-E)

Qui è dove tutto inizia: imballare il prodotto, usare il prodotto e, idealmente, usare il prodotto completamente (e quindi svuotare completamente l’imballaggio).

Troviamo un packaging esuberante (vedi, per esempio, i multi-pack Holiday Vibes di Sephora) e ci si potrebbe chiedere quanti residui rimangono nel tubo di plastica di un prodotto viscoso come il balsamo dopobarba di Chanel.

Che l’industria stia cercando di fare qualcosa si può anche vedere: l’Occitane fornisce uno strumento speciale (la “chiave magica”) in modo da poter utilizzare tutta la vostra crema preferita. Monoprix porta bustine “con il 50% di plastica in meno” per la cura del viso.

Ma il numero di usi giornalieri per i diversi prodotti varia di un fattore di due per la stessa confezione (venti volte per lo scrub viso e quaranta volte per la crema viso).

Controllo della raccolta e backend

Lo svuotamento degli imballaggi avviene in un luogo e in un momento diverso dal riempimento. Quindi, in generale, sono necessarie una fase di raccolta e una fase di lavorazione che non causino problemi ambientali.

La fase di raccolta-controllo può andare bene solo se il consumatore è disposto e capace di aiutare. Come e dove vanno smaltiti in modo responsabile gli imballaggi svuotati?

Le informazioni sulle confezioni non sono molto chiare; da Yves Rocher, per esempio, troviamo il “triman-logo” francese fraternamente accanto al logo DSD.

Una grande questione è ancora quanto dettagliate debbano essere le informazioni per il consumatore e fino a che punto l’elaborazione back-end a “banda larga” sarà disponibile.

Nella stessa settimana in cui le PUMA ha visitato Parigi, il presidente francese Macron è stato lieto di annunciare che la Eastman Chemicals costruirà un impianto di lavorazione in Francia per convertire tutti i tipi di imballaggi di plastica raccolti, compresi quelli dei cosmetici, in nuove materie prime.

Il progetto di Eastman ha anche ricevuto il sostegno di un numero impressionante di marchi internazionali che vedono il riciclaggio molecolare come uno strumento cruciale per raggiungere la “circolarità”. LVMH Beauty, The Estée Lauder Companies, Clarins, Procter & Gamble, L’Oréal e Danone hanno firmato lettere di intenti per accordi di fornitura pluriennali dall’impianto, che avrà una capacità di 160.000 tonnellate di rifiuti plastici raccolti all’anno.

La parte anteriore

Chiunque voglia imballare ha bisogno di materiale da imballaggio. In un modo o nell’altro, questi materiali provengono da scorte esistenti che non sono ancora state toccate dall’uomo, da fonti rinnovabili che non sono ancora state toccate dall’uomo o da materiali che sono già stati utilizzati e che vengono riforniti da un processo posteriore.

Nel caso degli imballaggi “organici” basati su fibre vegetali, come il cartone pieghevole, si presume apparentemente che i consumatori li riconoscano come rinnovabili. Non è spesso menzionato come tale sulle confezioni dei cosmetici.

Sfidando questa implicita pretesa ambientale, i materiali di imballaggio inorganici stanno iniziando a fare la loro comparsa anche nella parte anteriore.

Che ne dite di un grande display in un flagship store L’Occitane sugli Champs Elysees che dichiara che i tubi di alluminio sono composti da almeno il 96% di alluminio riciclato?

Con questo, l’elefante nella stanza dei materiali da imballaggio è ora diventato visibile: di quanta energia abbiamo bisogno per realizzare in modo sostenibile queste affermazioni (e anche quelle di un processo come il processo Eastman Backend citato nel settore della plastica)?

www.nvc.nl/puma

Articoli Correlati

Caro packaging del cosmetico, cheese!

Lo chiamano anche “il venditore silenzioso”: il packaging è un elemento importantissimo, con una grande influenza sulla decisione d’acquisto. E oggi che i consumi si sono spostati dallo scaffale alla rete, deve seguire nuove regole, riassunte nel concetto di “instagrammabilità”. In sostanza, sì al packaging bello e fotogenico. Sul tema del packaging sono state scritte

Prodotti da erbe biologiche per pelli sensibli

Dopo nove anni di silenzio, TelBari Inc, ora LLC si rinnova, per aprire al pubblico con le loro formulazioni uniche di erbe e oli vegetali biologici, prodotti vegani, cosmeceutici, che cambieranno l’intera concezione di un regime di cura della pelle. Ora esiste un cibo funzionale per la pelle, sano e biologico che contribuisce a supportare

Il mercato internazionale del packaging per la cura della pelle

Il settore del packaging è in continua evoluzione di nuove tecnologie che possono guidare l’innovazione nei settori finali. È diventato obbligatorio per le industrie del confezionamento aderire ai più elevati standard di innovazione e qualità. La presenza di un packaging senza saldatura dà un segnale di sicurezza alle aziende che operano in una moltitudine di