“Stretch hood” il primo imballo Made in Italy

In fase di sviluppo anche la versione fino al 50% che verrà presentata il prossimo maggio a Milano.

Un prodotto ormai diffusissimo e standard (esiste da almeno un quarto di secolo nella sua versione al 100% con plastica vergine) inizia una nuova storia di riconversione verso l’economia circolare grazie a Crocco, azienda vicentina che ha sviluppato il primo imballo “stretch hood” made in Italy con il 30% di materiale riciclato post-consumo.

“Grazie ai nostri laboratori di ricerca e sviluppo – spiega Gianmaria Perin, product manager di Crocco – siamo riusciti a creare un tubolare elastico per incappucciamento a freddo di bancali con il 30% di materiale riciclato, in grado di mantenere le prestazioni di quello con il 100% di materiale plastico vergine.

Inoltre, non stiamo parlando di rigenerato industriale, ma di post-consumo; quindi, del materiale che più di tutti rappresenta uno dei passaggi fondamentali dell’economia circolare”.

Il materiale plastico post-consumo, come evidenzia il nome stesso, ha già svolto il compito per cui è stato creato: è stato, infatti, ‘consumato’.

Dopo il percorso di riciclo tipico degli imballaggi in plastica, grazie a Crocco il materiale ritorna in produzione per essere quindi utilizzato una seconda volta.

“Questa soluzione, per cui siamo certificati ‘Plastica Seconda Vita’ a garanzia del cliente – continua Ludovico Tomasi, del reparto di Ricerca e Sviluppo -, va nella direzione della vera sostenibilità (si stima un 30% in meno di emissioni di CO2 equivalente).

Alcuni clienti, soprattutto del settore ceramico, dove si sono concentrati i primi test due anni fa, hanno già fatto il passaggio a questa nuova versione con il materiale post-consumo.

La sostituzione, dal punto di vista del processo, è indolore: non c’è da modificare in alcun modo l’assetto delle macchine, e il funzionamento è completamente paragonabile allo stretch hood vergine”.

Crocco è inoltre nelle ultime fasi di sviluppo della versione con il 50% di materiale rigenerato post-consumo, che verrà presentato in anteprima internazionale alla fiera milanese Ipack-Ima del prossimo 3-6 maggio.

L’imballo rientra, infine, nel più ampio percorso sviluppato da Crocco per tutti i suoi prodotti e denominato Greenside il quale, grazie ad un processo che prevede la misurazione dell’impronta carbonica lungo tutto il ciclo di vita e la successiva ridefinizione del design del packaging, permette di rendere l’imballaggio carbon neutral riducendo lo spessore della pellicola, utilizzando materiale di riciclo o biobased e compensando le emissioni attraverso i carbon credits che sostengono progetti ambientali ad impatto positivo, come previsto dal Protocollo di Kyoto.

DOWNLOAD HERE A FREE COPY OF PACKAGING INTERNATIONAL 1-2022

Articoli Correlati

Soluzioni di film riciclabili per buste stand-up con beccucci

Le buste stand-up con beccucci sono pratiche, stabili, richiudibili e adatte per alimenti liquidi o pastosi come le puree di frutta. Per la produzione interna di buste, SÜDPACK offre ora una soluzione di film certificata riciclabile che è adatta anche per il riempimento a caldo e la pastorizzazione. Ad Anuga FoodTec allo stand B-028 nella

Per un aspetto premium di grande impatto nell'imballagio del caffè

La carta per imballaggi flessibili per alimenti “Algro Finess C” di Sappi Sappi Europe, il produttore di carta per imballaggi flessibili, ha ottimizzato ulteriormente l’assortimento di prodotti Algro Finess e ora offre “Algro Finess C”, una carta per imballaggi flessibili patinata sviluppata appositamente per l’imballaggio del caffè, che si distingue per il suo aspetto di

Anno nuovo, orizzonti nuovi

Relicyc amplia le sue collaborazioni e punta sulla grande distribuzione per il ritorno di pallet da riciclare Quello dei pallet è da sempre un mercato variegato e frammentato in cui primeggiano alcuni grandi leader del settore, affiancati da realtà imprenditoriali di dimensioni più ridotte che riescono a farsi strada con una produzione in costante aumento.