“Stretch hood” il primo imballo Made in Italy

In fase di sviluppo anche la versione fino al 50% che verrà presentata il prossimo maggio a Milano.

Un prodotto ormai diffusissimo e standard (esiste da almeno un quarto di secolo nella sua versione al 100% con plastica vergine) inizia una nuova storia di riconversione verso l’economia circolare grazie a Crocco, azienda vicentina che ha sviluppato il primo imballo “stretch hood” made in Italy con il 30% di materiale riciclato post-consumo.

“Grazie ai nostri laboratori di ricerca e sviluppo – spiega Gianmaria Perin, product manager di Crocco – siamo riusciti a creare un tubolare elastico per incappucciamento a freddo di bancali con il 30% di materiale riciclato, in grado di mantenere le prestazioni di quello con il 100% di materiale plastico vergine.

Inoltre, non stiamo parlando di rigenerato industriale, ma di post-consumo; quindi, del materiale che più di tutti rappresenta uno dei passaggi fondamentali dell’economia circolare”.

Il materiale plastico post-consumo, come evidenzia il nome stesso, ha già svolto il compito per cui è stato creato: è stato, infatti, ‘consumato’.

Dopo il percorso di riciclo tipico degli imballaggi in plastica, grazie a Crocco il materiale ritorna in produzione per essere quindi utilizzato una seconda volta.

“Questa soluzione, per cui siamo certificati ‘Plastica Seconda Vita’ a garanzia del cliente – continua Ludovico Tomasi, del reparto di Ricerca e Sviluppo -, va nella direzione della vera sostenibilità (si stima un 30% in meno di emissioni di CO2 equivalente).

Alcuni clienti, soprattutto del settore ceramico, dove si sono concentrati i primi test due anni fa, hanno già fatto il passaggio a questa nuova versione con il materiale post-consumo.

La sostituzione, dal punto di vista del processo, è indolore: non c’è da modificare in alcun modo l’assetto delle macchine, e il funzionamento è completamente paragonabile allo stretch hood vergine”.

Crocco è inoltre nelle ultime fasi di sviluppo della versione con il 50% di materiale rigenerato post-consumo, che verrà presentato in anteprima internazionale alla fiera milanese Ipack-Ima del prossimo 3-6 maggio.

L’imballo rientra, infine, nel più ampio percorso sviluppato da Crocco per tutti i suoi prodotti e denominato Greenside il quale, grazie ad un processo che prevede la misurazione dell’impronta carbonica lungo tutto il ciclo di vita e la successiva ridefinizione del design del packaging, permette di rendere l’imballaggio carbon neutral riducendo lo spessore della pellicola, utilizzando materiale di riciclo o biobased e compensando le emissioni attraverso i carbon credits che sostengono progetti ambientali ad impatto positivo, come previsto dal Protocollo di Kyoto.

DOWNLOAD HERE A FREE COPY OF PACKAGING INTERNATIONAL 1-2022

Articoli Correlati

SONDAGGIO All4Pack Emballage Paris

l’evoluzione dei materiali per imballaggi dal punto di vista degli operatori Salone internazionale precursore per tutte le soluzioni di packaging sostenibile e dell’intralogistica, ALL4PACK vuole essere una fonte d’ispirazione per supportare tutti gli attori del settore di fronte alle sfide presenti e future. In questa prospettiva, il salone si contraddistingue decodificando le evoluzioni del mercato

FACHPACK 2022: A Norimberga col tema “Transition in Packaging” si parlerà dei temi attualissimi di sostenibilità del packaging, packaging nell’e-commerce e crescente digitalizzazione.

Dal 27 al 29 settembre 2022 il settore del packaging torna a riunirsi a FACHPACK, la fiera europea del packaging, delle tecnologie e dei processi, affiancata da un ampio programma di supporto di conferenze e aree speciali. Oltre 1.100 espositori (rispetto ai 789 del 2021) si incontreranno nel centro fieristico di Norimberga per presentare prodotti,

Come contenere i rischi legati al confezionamento degli alimenti

Nell’industria alimentare è prassi sottoporre i prodotti a diversi controlli per garantire il rispetto dei requisiti fisici, chimici e microbiologici. Con il tempo, proprio questa necessità di tutelare i prodotti da potenziali rischi e pericoli ha portato allo sviluppo di sistemi di conservazione sempre più efficaci. Vediamo insieme nell’articolo quali sono i potenziali rischi e