Nuovo regolamento imballaggi: le opinioni della filiera del packaging

L’incontro voluto da Amaplast ed Ucima in collaborazione con Confindustria Veneto Est ha presentato le opinioni e le considerazioni dei protagonisti della filiera e delle istituzioni

AMAPLAST (Associazione Nazionale Costruttori di Macchine e Stampi per Materie Plastiche e Gomma) e UCIMA (Unione Costruttori Italiani di Macchine Automatiche per il Confezionamento e l’Imballaggio) hanno organizzato il convegno “Regolamento imballaggi e impatto per la filiera del packaging”, che ha visto sul palco i protagonisti della filiera del packaging e le istituzioni confrontarsi sulle diverse criticità delle normative del Nuovo Regolamento Imballaggi e sulle diverse strategie messe in atto. Un tema predominante per il settore, sviluppato nel corso di un evento che ha richiamato oltre 150 aziende.

Noi non siamo contro il cambiamento. – ha dichiarato Riccardo Cavanna, Presidente di Ucima – Il problema è che questo regolamento sta creando confusione. Noi abbiamo avuto sempre un ruolo da protagonisti nel portare la filiera a raggiungere importanti risultati in termini di circular economy, ma abbiamo bisogno di un approccio concreto e che valorizzi il percorso intrapreso fin ora. L’obiettivo comune è la salvaguardia del nostro Pianeta”.

La fattibilità tecnica del nuovo regolamento non è un aspetto da poco e va valutata attentamente – ha aggiunto Dario Previero, Presidente di Amaplast -. Fare fronte comune tra Associazioni ha lo scopo di poter dar voce alle perplessità delle aziende e poter lavorare per la miglior soluzione possibile”.

Dopo i saluti istituzionali l’evento ha illustrato i punti salienti del Nuovo Regolamento e Confindustria ha presentato le strategie attuate in difesa del settore e di tutta la filiera, affinché la riforma risulti equilibrata e orientata al rafforzamento del sistema-Italia di gestione dei rifiuti di imballaggio, un modello da preservare e difendere.

Marco Ravazzolo (Confindustria – Politiche industriali e per la sostenibilità) ha dichiarato: “Non accettiamo lo spostamento di paradigma del nuovo regolamento europeo dal riciclo al riuso. È un approccio non suffragato da dati scientifici. Un esempio: il massivo uso di acqua per permettere il riutilizzo”.

Il Sen. Luca de Carlo, Presidente della Commissione Industria, commercio, turismo, agricoltura e produzione agroalimentare del Senato, ha aggiunto: “Non bisogna farsi intimorire da mode ideologiche che criminalizzano la plastica. L’Italia rappresenta un modello per il riciclo, va difeso”. Lo sguardo poi si è ampliato, presentando il punto di vista di Francesca Stevens, Segretario Generale EUROPEN (The European Organization for Packaging and the Environment): “In Italia c’è grande attivismo da parte di Confindustria e del governo per difendere le istanze della filiera italiana del packaging. Da altri paesi le resistenze sono più morbide, ma serve coesione da parte di tutti perché la strada che si sta percorrendo è rischiosa per molti aspetti”.

In seguito hanno preso la parola gli imprenditori, che insieme a Giflex – Gruppo Imballaggio Flessibile, si sono confrontati sulle criticità delle normative nei rispettivi settori durante una tavola rotonda.

“Credo che questo regolamento – ha sostenuto Alberto Palaveri, Presidente di Giflex – non acceleri lo sviluppo, ma bensì lo freni. Il rischio è ritrovarsi le nostre aziende più povere e i consumatori meno tutelati sotto il profilo della sicurezza”.

Walter Bertin, Presidente e CEO di Labomar Spa, in linea con quanto sostenuto da Palaveri ha evidenziato i risultati già ottenuti: “Ci sono prodotti in commercio che già implicano un basso impatto ambientale, basato sul riciclo. È rischioso rimettere in discussione anni di sviluppo”.

Alessandro Lazzarin, Presidente di Latteria del Montello (Nonno Nanni), ha messo in luce l’importanza di questo genere di eventi: “Con la nostra azienda siamo molto attenti a quel che sta succedendo perché le norme del regolamento impattano notevolmente sul modo di fare sviluppo. In questa fase serve più chiarezza e ben vengano questi incontri“.

Il convegno è stato fortemente voluto dalle due associazioni come occasione di incontro con le aziende sul territorio, in questo caso quello veneto, per presentare le proprie attività e farsi portavoce dei temi caldi per il comparto. L’evento si è svolto presso la sede dell’azienda Galdi.

AMAPLAST – UCIMA

Amaplast e Ucima, insieme ad Acimac (Associazione Costruttori Italiani Macchine per la ceramica), hanno intrapreso un percorso sempre più integrato, che porti a un rafforzamento reciproco in termini di efficienza, radicamento e sviluppo dei servizi. Insieme rappresentano 1170 aziende che occupano 57.500 addetti e generano un fatturato di oltre 14 miliardi di euro, pari al 38,7% del settore dei beni strumentali italiani.

In Veneto sono 131 le aziende del settore delle tecnologie per la plastica, la gomma e il confezionamento.

www.amaplast.org/it www.ucima.it www.assindustriavenetocentro.it

Articoli Correlati

Al simposio AFI, gli stakeholder del mondo Life Science riuniti per il 2° steering committee

Si è tenuto nel corso della kermesse in svolgimento in questi giorni a Rimini, l’appuntamento con i membri del comitato di indirizzo di Pharmintech, per un confronto in vista dell’edizione 2025 Il 63° Simposio AFI, importante convegno che da oltre 60 anni coinvolge gli interlocutori del settore farmaceutico a livello internazionale, è stato un appuntamento

Riccardo Cavanna confermato Presidente di Ucima

L’Associazione dei costruttori di tecnologie per il packaging ha rieletto il Presidente uscente per il biennio 2024-2026 Riccardo Cavanna è stato confermato come Presidente di Ucima (Associazione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il Confezionamento e l’Imballaggio) per il biennio 2024-2026. Lo ha sancito all’unanimità l’annuale Assemblea Generale dei Soci, svoltasi stamattina a Baggiovara di Modena,

BEST PACKAGING 2024: PROCLAMATI I VINCITORI

Lo spazio Archivolto a Milano, nella mattinata odierna, ha ospitato la cerimonia di premiazione dei 10 Best packaging del 2024. A presentare l’evento la conduttrice Natasha Stefanenko, che ha intervistato, in apertura, La presidente dell’Istituto Italiano Imballaggio Alessandra Fazio, la neo direttrice di Conai Simona Fontana, l’amministratore delegato di Ipack-Ima Simone Castelli e il presidente