Consumo di PVC in Italia: rimbalzo nel 2021 e prospettive 2022

Dopo il calo registrato nel 2020, lo scorso anno i consumi di PVC in Italia hanno raggiunto le 650.000 tonnellate, risalendo al di sopra dei livelli del 2019 pre Covid e crisi europea. I dati provengono dalla consueta indagine di mercato realizzata da Plastic Consult per conto del PVC Forum Italia, presentata in occasione dell’ultima PVC Academy dell’8 giugno scorso.


L’incremento del PVC rispetto al 2020 risulta del + 10%, ben al di sopra di quello ottenuto dalle materie
termoplastiche nel loro complesso che, con 5,62 milioni di tonnellate, hanno aumentato il consumo di circa il 5%.

Le 650.000 tonnellate di PVC trasformate in Italia nel 2021 sono divise tra 316.000 tonnellate di rigido e
334.000 di plastificato. Il 66% del totale è rappresentato da PVC resina mentre il rimanente 36% da
compound.
La suddivisione del consumo di PVC per settore applicativo fotografata nel 2021 riflette sostanzialmente la ripartizione registrata negli ultimi anni, come risulta dalla seguente tabella:

PVC rigido
Ton.
PVC plastificato
Ton.
Totale PVC
Ton
Totale PVC
%
Edilizia/costruzioni 199.500 23.500 223.000 34,3
Imballaggio 36.00027.000 63.000 9,7
Elettricità 3.000 58.000 61.000 9,4
Mobile/arredamento 13.000 14.000 27.0004,2
Cartotecnica 14.500 12.000 26.500 4,1
Tempo libero– 27.500 27.500 4,2
Agricoltura 13.500 – 13.500 2,1
Telecomunicazioni – 14.50014.5002,2
Trasporto – 17.500 17.500 2,7
Calzature/abbigliamento – 8.5008.5001,3
Elettrodomestici 500 7.000 7.5001,2
Diversi* 10.500 72.000 82.500 12,6
Compound esportato 25.500 52.500 78.000 12
TOTALE 316.000 334.000 650.000 100,0

* Articoli medicali, usi tecnici, altri (valigeria, marocchineria, lastre espanse, nastri trasportatori, ecc.)

L’edilizia, che copre circa 1/3 dei consumi totali, rafforza ulteriormente il proprio primato come principale
settore applicativo. Con 223.000 tonnellate, l’incremento rispetto al 2020 è stato del 16%, spinto dagli
Ecobonus soprattutto per quanto concerne la sostituzione di vecchi serramenti con nuove soluzioni
efficienti in PVC. + 5% per la seconda applicazione d’uso, l’imballaggio.


In generale tutti i settori di impiego hanno registrato un segnale più che positivo, sopra al 10% per
elettricità, mobile/arredamento, tempo libero, telecomunicazioni e abbigliamento/calzature.

Il compound di PVC rigido l’anno scorso è stato maggiormente rivolto al mercato interno, data la fortissima richiesta.


Anche la produzione di PVC riciclato è in ripresa con volumi superiori alle 90-100 Kton. La quota prevalente di pre-consumo risulta in crescita direttamente proporzionale ai consumi di polimero vergine e alla trasformazione in rialzo.


La parte di post-consumo si è consolidata ed è rimasta stabile anche grazie ai volumi di PVC raccolti e inviati a riciclo dal progetto WREP di PVC Forum Italia che sta crescendo di anno in anno coinvolgendo sempre più multiutility italiane.


Il PVC da riciclo viene normalmente utilizzato in taglio con percentuali variabili di polimero vergine.
Per il PVC rigido, l’impiego del riciclato si ha principalmente nella produzione di tubi, profilati e monofili
per spazzole. Il PVC riciclato plastificato, che assorbe il grosso del riciclato post-consumo, viene riutilizzato principalmente nella produzione di tubi per giardinaggio, membrane impermeabilizzanti, oltre a volumi non indifferenti che trovano sbocco nel settore delle calzature (suole).


Sull’andamento del 2022 influiranno certamente diversi fattori esterni: costo dell’energia, prezzi e
disponibilità delle materie prime, logistica e costi di trasporto e l’inflazione galoppante, mai così alta negli
ultimi 25 anni. In generale la produzione industriale complessiva ha tenuto nel corso del primo trimestre
ma sul resto dell’anno peseranno le suddette condizioni esterne.


Nello specifico, per il PVC rigido si prospetta un discreto primo semestre. Il livello della domanda in edilizia è ancora molto alto, come evidenziato dal trend dei profilati (da resina) e del compound. Un po’ più in difficoltà il comparto dei tubi.


Il PVC plastificato ha chiuso il 2021 con un’ottima crescita e per l’anno in corso le prospettive restano
favorevoli; la domanda è ancora viva e tutte le principali applicazioni sono attese in crescita, quanto meno
nei primi 6 mesi.

Articoli Correlati

Macchine Packaging: 2021 da record per il settore, il fatturato totale sale a 8 miliardi e 240 milioni di euro

Più 5,5% del comparto rispetto al 2020, infranto il precedente record del 2019. Il neopresidente Cavanna: “Risultato straordinario, ma sul 2022 pesa lo shortage” Il settore delle macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio festeggia il record all time: nel 2021 infatti, il comparto ha registrato un fatturato totale pari a 8,24 miliardi, infrangendo il

Coesia Virtual Event 2022

Wrap your business, unwrap your potential Il 14 giugno 2022 sarà live il primo evento digitale di Coesia: una piattaforma streaming per scoprire le ultime innovazioni e le tecnologie più avanzate del Gruppo specializzato in soluzioni industriali e di imballaggio Coesia Virtual Event 2022, il primo evento digitale di Coesia, sarà l’occasione per clienti attuali e potenziali,

Engie Italia partner di ITT nell'impegno per la sostenibilita ambientale

Avviato il progetto di totale riqualificazione della centrale di trigenerazione del sito italiano della ITT, il più grande al mondo: un risparmio di 1.800 ton di emissioni di CO2 l’anno ENGIE Italia, player globale dell’energia con la missione di accelerare un’economia carbon neutral, si aggiudica la gara di ITT Corporation, leader nella produzione di pastiglie